Autore

vedisotto


FRANCAMENTE

LA FOTO SULLA POLITICA LOCALE DI DAVIDE ROMEO

Davide Romeo

“Gentilissimo Direttore Franco Pullara, è da molto tempo che non dedico qualche momento della mia vita alla nostra fantastica Favara.

Ogni tanto lo voglio fare, condividendo con te riflessioni e pensieri.
Questa volta non voglio fare nessuna proposta, nessun attacco politico, nessuna presa di posizione.
Anche perché l’amministrazione, secondo il mio parere, ancora naviga bene e il momento del consuntivo deve ancora da venire.
Oggi ci dedichiamo alla “fotografia”, ovviamente quella politica e storica.
Lo faccio insieme a te, perché ricordare i fatti e gli avvenimenti ci dovrebbe aiutare a capire il presente e aiutare ad interpretare il prossimo futuro.
La fotografia che propongo è la seguente: elezioni amministrative 2016, primo turno, M5S prende al consiglio comunale con la propria lista il 10,76% con 2 mila e passa voti e il candidato sindaco Anna Alba il 22,89% con più di 4 mila voti.”
Chi legge la “foto”, specialmente da una visuale non paesana, comprende benissimo alcune cose:
1 – il meetup locale, nel massimo sforzo elettorale delle elezioni comunali, non poteva essere bastevole con i propri voti, per far  superare il primo turno, positivamente, alla propria candidata a Sindaco;
2 – la candidata Anna Alba è riuscita (personalmente) ad andare oltre i consensi della propria lista M5S, non di qualche punto percentuale, ma bensì più del doppio del consenso elettorale;
3 – le dinamiche del consenso, nel caso specifico, si sono espresse e articolate fuori dai gruppi politici organizzati.
Questa fotografia politica, oggettiva e storica, si collega ad un’altra notizia, questa volta attuale: il convegno di Ivrea organizzato dal Movimento di Casaleggio e Grillo.
Il nesso sta che in questo appuntamento, nella cittadina piemontese, il Movimento si pone il problema del Governo del Paese e lo fa iniziando un percorso che travalica i confini del Movimento stesso.
Ciò non significa che il M5S deve aprire le porte ai politici di professione o ai perdenti che desiderano salire sul carro del vincitore, come i tentativi bizzarri e comici di qualcuno, per riciclarsi ed entrare in un mondo, che fino a qualche settimana prima criticava aspramente da avversario ideologico!
Mi riferisco alla positiva esperienza favarese del Movimento, mi riferisco alla capacità politica di trovare la giusta sintesi, di vedere e andare oltre al proprio steccato, di individuare candidati che sappiano intercettare consensi e aggregare realtà non omogenee ma neanche distanti.
Ovvio che si dovrà arrivare, prima o poi, al consuntivo (mi riferisco alle questioni amministrative). Anche in questo contesto la capacità dev’essere quella di migliorarsi, di individuare le lacune, capirne i motivi e LICENZIARE e superare gli ostacoli!
Tutto il resto è un inutile contorno,  che non fanno Storia e specialmente non fanno Politica: certe polemiche, sussurrate o rappresentate durante la movida favarese, le possiamo catalogare come momenti di passatempo, in una realtà che di svago non offre tanto!”

Stampa articolo
18 aprile 2017

Autore

vedisotto


Lascia un commento