SICILIA FUTURA E PSI, SÌ AD ELEZIONE DIRETTA PER  VERTICI E CONSIGLI DI LIBERI CONSORZI E CITTÀ METROPOLITANE, OCCORRE NUOVA LEGGE SUBITO

Primo vertice oggi tra i gruppi parlamentari  di Sicilia Futura e del Psi all’Ars sulla riforma delle ex province. Le due formazione che hanno già costituito un intergruppo a Palazzo dei Normanni hanno diffuso una nota a margine dell’incontro odierno, prendendo posizione sull’elezione diretta per i vertici e i consigli di Liberi consorzi e Città metropolitane.

“Nella recente consultazione referendaria la maggioranza degli italiani, e dei siciliani, ha bocciato, tra le altre, la riforma che aboliva le Province, con ciò evidentemente intendendo confermarle. Appare chiaro che i Liberi Consorzi e le Città Metropolitane (le nostre ex Province), così come concepiti, non rispondano al comune sentire della popolazione. Oggi pensare di votare i loro organismi con elezioni di secondo livello appare ulteriormente controproducente. Crediamo sia più rispettoso e coerente rinviare queste elezioni e garantire la rappresentanza diretta degli organismi amministrativi dei Liberi Consorzi e delle Città Metropolitane attraverso elezioni a suffragio universale che coinvolgano direttamente tutti i cittadini, senza distinzioni e in tutti territori delle ex province”. Lo affermano Giuseppe Picciolo e Giovanni Di Giacinto, capigruppo di Sicilia Futura e del Psi in una nota firmata dagli undici deputati dell’intergruppo parlamentare Sf-Psi.