Carabinieri Agrigento. Blitz nella città dei templi, disposto nella notte dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo. In manette due presunti fiancheggiatori del boss di Agrigento Antonio Massimino.

SONY DSC

Scoperti un sequestro di persona ed una violenza sessuale attuati per volontà del boss.
Alle prime luci dell’alba, i Carabinieri del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Agrigento, contestualmente all’operazione “Kerkent” della DIA, hanno sottoposto agli arresti domiciliari due fiancheggiatori del noto Antonio Massimino, considerato l’attuale reggente della “famiglia” mafiosa di Agrigento.

Il blitz, ordinato dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo, è stato eseguito da una ventina di carabinieri, supportati da unità cinofile. Le accuse, a vario titolo, sono quelle di “Sequestro di persona e violenza sessuale, aggravati dal metodo mafioso”.

Le manette, dunque, sono scattate ai polsi di Miccichè Gabriele, 28 enne di Agrigento, ritenuto braccio operativo del boss Massimino e nei confronti di Ganci Salvatore, 45 enne del luogo, commerciante di autovetture. Per il 50 enne Antonio Massimino è scattata invece, presso la Casa Circondariale ove è attualmente detenuto, la notifica dell’Ordinanza di custodia cautelare in carcere, con l’accusa di aver ordinato un sequestro di persona e di aver commesso una violenza sessuale.
I particolari dell’operazione, verranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle 10.00 odierne presso il Centro DIA di Palermo.

sop

Lascia un commento

  • (non pubblicato)