Autore

Franco Pullara


Avvocato Di Miceli: “Spetta alla sindaca, oltre che amministrare la città, rappresentare i problemi dei favaresi”
Dai Comuni

Avvocato Di Miceli: “Spetta alla sindaca, oltre che amministrare la città, rappresentare i problemi dei favaresi”

“A chi deve rivolgersi l’abitante di Via Umberto, Via delle Muse, Esa Chimento, Via San Valentino? Al Comune viene detto loro che sulle fogne è competente Girgenti acque, quest’ultima non interviene e allora cosa deve fare il favarese? Questo giornale continua a denunciare l’allarme sanitario per i liquami che si disperdono nell’ambiente, ma non si hanno notizie da parte dell’amministrazione comunale su iniziative assunte sull’allarmante situazione sanitaria che è, badate bene, un problema di tutta la città, con i liquami che scorrono liberi e il depuratore non a norma, anche se, a questo punto, nella struttura arriva ben poco delle fogne cittadine”. Giuseppe Di Miceli, rappresentante provinciale di Konsumer, è un fiume in piena e devo dire, conoscendolo da diversi anni, di non averlo mai visto così indisponibile a fare sconti ad alcuno sulla particolare vicenda.

“E se qualcuno – continua l’avvocato – interpreta il mio intervento come un attacco alla sindaca, dico che si tratta, piuttosto, dell’accusa ben precisa rivolta a tutti i sindaci dell’Ati idrico a non rappresentare a pieno le problematiche dei cittadini nei confronti dei responsabili del servizio idrico integrato. A fronte dei fiumi di liquami che scorrono fuori dalle condotte, dovrebbero scorrere fiumi di denunce e di diffide a Girgenti acque e all’Ati, da parte, ripeto, di tutti i sindaci. Scrivete nel vostro editoriale “per fortuna c’è il Prefetto”. Lo dico anche io perché i passi fatti in avanti si devono solo al Prefetto di Agrigento, che adesso ha convocato i sindaci, troppo fermi davanti a fatti che impongono la corsa”.

“Non si possono ascoltare – conclude l’avvocato Di Miceli – le dichiarazioni di resa incondizionata adducendo che il Comune non ha competenza, perché l’amministrazione sul servizio idrico integrato ha, nello stesso tempo, l’obbligo di rappresentare i disagi dei cittadini e i rischi sulla salute delle citta”.


Stampa articolo
12 febbraio 2019

Autore

Franco Pullara


Lascia un commento