Autore

sop


Carabinieri.  Catturato nella notte un “topo” d’appartamento, aveva addosso la refurtiva ed un grosso coltello
Dai Comuni

Carabinieri. Catturato nella notte un “topo” d’appartamento, aveva addosso la refurtiva ed un grosso coltello

Carabinieri Agrigento. Catturato nel cuore della notte con le mani nel sacco all’interno di una villetta a Campobello di Licata. Si era già impossessato di numerosi gioielli.

Forzando una finestra, armato con un grosso coltello, si è intrufolato in una villetta ubicata in periferia a Campobello di Licata. Approfittando del buio e dell’assenza della proprietaria, una pensionata 77 enne, ha iniziato a rovistare e fare razzia di gioielli ed oggetti vari in ogni stanza.

Al topo d’appartamento, che stava saccheggiando ogni cosa di valore, è stato fatale però l’aver acceso le luci di alcune stanze. Ciò infatti è stato notato da un vicino che stava rincasando, il quale, sapendo che la proprietaria era fuori sede, si è insospettito ed ha subito allertato il “112”. In un lampo, sono accorse due pattuglie dei Carabinieri della locale Stazione e del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Licata (Ag), già impegnate sul territorio in servizi di prevenzione per il contrasto dei reati predatori. I militari, giunti nei pressi dell’abitazione, dopo averla circondata, hanno subito notato nell’oscurità il malvivente, mentre stava tentando di allontanarsi con il bottino, catturandolo poi dopo un breve inseguimento a piedi. Nel corso dell’immediata perquisizione, dalle tasche dell’uomo sono saltati fuori numerosi gioielli ed oggetti trafugati, nonché vari arnesi atti allo scasso. La refurtiva, del valore di alcune migliaia di euro, è stata interamente recuperata e sarà ora restituita alla proprietaria. E così, con l’accusa di “Furto in abitazione”, i Carabinieri hanno stretto le manette ai polsi di I. N., romeno 38 enne, domiciliato da qualche tempo a Campobello di Licata, mettendolo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Ancora una volta, per i militari dell’Arma impegnati sul territorio, è stata preziosa la telefonata di un cittadino, il cui sospetto si è rivelato fondato, consentendo la cattura del malvivente.


Stampa articolo
2 febbraio 2019

Autore

sop


Lascia un commento

IMG-20190515-WA0011

oss-osa-asacom