Autore

Franco Pullara


Favara accoglie il reliquiario della Madonna delle lacrime di Siracusa
Dai Comuni, Evidenza, Favara

Favara accoglie il reliquiario della Madonna delle lacrime di Siracusa

“La comunità di Favara e nello specifico la parrocchia dei Ss. Pietro e Paolo si prepara ad accogliere da lunedì pomeriggio il reliquiario della Madonna delle lacrime di Siracusa. Per tre giorni da lunedì pomeriggio giorno 29 a giorno 31 mercoledì il reliquario sosterà nella nostra parrocchia”. A parlare è don Marco Damanti che spiega anche le ragioni dell’evento.

don marco 1“Certamente le motivazioni che hanno portato – continua don Marco – ad accogliere il reliquario sono tante, tra queste quelle di una Mamma che è la Madre di tutti che ci chiama a ritornare alla fede e a suo Figlio Gesù. Altro motivo le lacrime, le lacrime di gioia o di dolore. Certamente nella nostra terra in questi ultimi mesi possiamo cogliere lacrime di dolore, partiamo dal dramma della morte di Sofia, della scomparsa di Gessica che a distanza di mesi non si hanno notizie, con quattro bambini lasciati alla nonna. Il terzo atto di vandalismo alla Muntagnè della Pace, il Redentore sfregiato al viso e tagliate le mani, stesso destino la statua raffigurante la Madre di Gesù. Sono lacrime di una Mamma che ci invita a cambiare vita. Una società senza Dio non ha speranza, allora la comunità di Favara, la parrocchia Ss. Pietro e Paolo accoglierà questo dono bellissimo. Maria ci viene a visitare e a scuotere le nostre coscienze”.

Oltre che nella parrocchia Ss. Pietro e Paolo, il reliquiario sarà ospitato da alcune scuole e dal vicino Carcere della Petrusa.

La lacrimazione della Vergine da un quadro di gesso è avvenuta nell’agosto del 1953 a Siracusa.

madonna di sirIl miracolo si verificò in una modesta casa in Via degli Orti a S. Giorgio, Siracusa, dove abitavano due giovani coniugi, Angelo Iannuso e Antonina Lucia Giusti. La signora Antonina era in attesa del primo bambino, ma la gravidanza si presentò difficile, al punto che a volte le procurava l’abbassamento della vista, ma inaspettatamente verso le 8,30 del mattino, la vista tornò come prima e alzando lo sguardo verso il quadretto di gesso attaccato a capo del letto, incredula e meravigliata vide grosse lacrime scendere sul viso della Madonnina.

“La Madonnina piange”. La notizia si sparse velocemente in tutta Siracusa e nel mondo, suscitando enorme scalpore; la casa dei coniugi Iannuso si trasformò in meta di pellegrinaggio. La statuetta-quadretto è un mezzo busto di gesso, raffigurante il Cuore Immacolato di Maria ed era stato un regalo di nozze, ricevuto dai giovani sposi. La Chiesa riconobbe la prodigiosità dell’evento in breve tempo e nel 1994 san Giovanni Paolo II consacrò il Santuario dedicato alla Madonna.


Stampa articolo
25 ottobre 2018

Autore

Franco Pullara


Lascia un commento

IMG-20190307-WA0007