Autore

sop


L’Arma celebra il 74° anniversario dell’uccisione del Tenente dei Carabinieri Antonino Di Dino
Altre Notizie

L’Arma celebra il 74° anniversario dell’uccisione del Tenente dei Carabinieri Antonino Di Dino

Sabato 12 gennaio 2019 alle ore 10.30, presso la Chiesa San Diego di Canicattì sarà celebrata la ricorrenza del 74° anniversario dell’uccisione del Tenente dei Carabinieri Antonino Di Dino, Medaglia di Bronzo al Valor Militare “alla memoria”, deceduto nell’adempimento del dovere in Naro, in occasione di una ribellione armata.

Per la circostanza, il Cappellano Militare dell’Arma dei Carabinieri (Don Salvatore Falzone) – unitamente al Parroco della predetta Chiesa (Don Salvatore Casà) – celebrerà una Santa Messa, alla quale parteciperanno i Vertici delle Forze dell’Ordine provinciali, il Sindaco di Canicattì, altre Autorità locali, civili e militari, nonché rappresentanze dell’Associazione Nazionale Carabinieri in congedo e di studenti del locale Istituto Tecnico Commerciale “Galilei”.

Il fatto storico riporta che l’11 gennaio 1945 i rivoltosi assaltarono la locale Stazione dei Carabinieri Reali sequestrando i 9 militari presenti, occupando altresì il Municipio dopo aver incendiato la locale Pretura e l’Ufficio delle Imposte.

Per l’intera notte tra l’11 e il 12 gennaio vi furono vani tentativi, da parte dei Carabinieri, di forzare l’assedio della cittadina di Naro, in quanto trovarono forte opposizione armata senza riuscire a far breccia nell’organizzata resistenza dei rivoltosi.

Durante la stessa notte, al Sottotenente Antonino Di Dino venne ordinato di trasferirsi a Naro. Ivi giunto, l’Ufficiale decise di incontrare i rivoltosi nella speranza di poterli convincere a consegnare pacificamente le armi e scongiurare una schiacciante repressione da parte delle Forze dell’Ordine che poteva sfociare in una carneficina. Il Sottotenente Di Dino tentò in tutti i modi di far ragionare i rivoltosi, ma – quasi riuscito nell’intento – all’improvviso e vigliaccamente, uno di essi, armato di fucile, esplose un colpo che investì al volto l’Ufficiale, uccidendolo.

Per tali eventi fu tributata al Sottotenente Antonino Di Dino la Medaglia di Bronzo al Valor Militare “alla memoria” con la seguente motivazione:

“Comandante della Tenenza Carabinieri di Canicattì, in occasione di ribellione armata … rispondeva decisamente al fuoco, sostenendo con grande coraggio e decisione l’impari lotta, finché colpito cadeva vittima del dovere. Nobile esempio di alte virtù militari”.

Naro (Ag), 12 gennaio 1945


Stampa articolo
10 gennaio 2019

Autore

sop


Lascia un commento