Autore

giuseppe.moscato


Villa Ambrosini gestione C.I.F., virtuoso esempio di impegno civico
Altre Notizie, Evidenza, Favara

Villa Ambrosini gestione C.I.F., virtuoso esempio di impegno civico

Abbiamo già scritto delle ville cittadine e degli spazi verdi chiusi perché “pericolosi” a causa della mancanza di manutenzione, dei necessari interventi da parte del Comune che non ha un centesimo da destinare a questo importante  settore. Villa “Pompeo”, Villa “Padre Pio”, Villa “Giufà e i Paladini” tutte chiuse e abbandonate a se stesse e non fruibili dai cittadini.

Villa Ambrosini 1Ma c’è una Villa che è rinata, riportata a nuova vita, ritornato ad essere centro di aggregazione e incontro per grandi e piccini. E’ Villa Gaspare Ambrosini che dopo un lungo periodo di obblio dopo gli splendori della sua inaugurazione (l’allora assessore Giuseppe Piscopo li ricorderà certamente con piacere) fu abbandonata a se stessa e fatta oggetto di atti vandalici facendola diventare simbolo dell’inefficienza amministrativa e di degrado urbano.

FotoAntonellaMorreale2dapubblicareDa esattamente un anno Villa Ambrosini è ritornata a nuova vita. Era infatti il 31 ottobre 2017 quando la Sezione di Favara del C.I.F, Centro  Italiano  Femminile, presidente Antonella Morreale, prese in consegna lo spazio verde dal Comune,  in virtù  della delibera del Consiglio comunale la n° 22 del 27/ 03/ 2013 che aveva regolamentato l’affidamento degli spazi pubblici di proprietà comunale alle Associazioni operanti nel territorio che ne facevano richiesta.

Sono iniziati così i lavori di “pulizia” da parte dei volontari dell’associazione, di messa in sicurezza e di abbellimento con la collocazione di piante e fiori. Restailing con conseguente piena fruizione da parte dei cittadini ma anche con l’organizzazione di manifestazioni ed eventi: il Presepe vivente,  Associazioni in festa , Campus estivo e l’eccezionale Rassegna teatrale conclusasi qualche giorni fa.  “Tutti i proventi delle varie manifestazioni – ci dice Antonella Morreale – sono stati utilizzati  per rifare i cancelli, il bagno, le luci , sistemare le aiuole e  abbellire con piante e fiori il giardino.  Il tutto – continua la presidente CIF – è stato  coordinato e monitorato dal dirigente del settore architetto Giacomo Sorce e dal responsabile del Servio dottor Gerlando Parisi”.

Villa Ambrosini 2Insomma si è creata subito una bella sinergia, pubblico-privato, che, nonostante le mille difficoltà che non mancano mai,  ha fatto sì che la Villa Ambrosini ritornasse agli antichi splendori. “L’associazione pur essendo  prevalentemente al femminile – precisa Antonella Morreale –  deve  dire grazie  a volontari come Antonio Vaccaro, Antonio Vetro, Luigi Zagarella, Tebaldo Mazza ed altri amici che si sono spesi affinché questo sogno si avverasse”.

E la favola continua!


Stampa articolo
8 ottobre 2018

Autore

giuseppe.moscato


Lascia un commento