10463818_427336034071591_4563386353585594190_oSembra che la piattaforma Caronte, gestionale della Regione Siciliana per monitorare e certificare la spesa, sia in ferie da circa un mese. Più precisamente pare che dal 14 luglio, il sistema informatico Caronte FSE 2007/1013 risulta sospeso.

Di tale disservizio non si è informata l’utenza, com’è d’obbligo che avvenga in questi casi, e, dalle reiterate telefonate effettuate dagli operatori o direttamente dai gestori di progetti europei all’Assistenza tecnica e all’Assessorato, sono emerse motivazioni vaghe e talvolta contrastanti.

Nessuno sembra che sia ancora nelle condizioni di sapere quando la funzionalità sarà ripristinata. Il disservizio del sistema informatico impedisce ed arresta l’inserimento e l’aggiornamento dei giustificativi di spesa e le certificazioni periodiche, procedure necessarie a documentare gli avanzamenti fisici dei progetti e quindi finanziari degli stessi, per poter addivenire alla richiesta e alla liquidazione degli acconti.

10494551_878978658797891_3645963044287483820_nQuesti ingiustificati vuoti informatici inevitabilmente comportano danni, anche gravi, rispettivamente, sui beneficiari dei progetti:crisi di liquidità, il cui protrarsi rischia, con le ovvie ricadute sui fornitori, sulle utenze e sul personale, di paralizzare la già compromessa attività degli Enti. Oltrechè l’impossibilità di effettuare un monitoraggio della spesa attendibile e in tempi congrui.

Alla luce della mancata certificazione della spesa, si potrebbe meglio spiegare l’andamento delle somme utilizzate dei fondi europei, come da tabella (vedi immagine accanto).

Il sistema Caronte è in Ferie mentre il sistema Faros sembra morto. Qualcuno si domanda chi e come provvederà alla certificazione della spesa anche per la seconda annualità?

A tal proposito, non si comprende il mancato e tempestivo intervento degli organi preposti a tutela e salvaguardia dell’utilizzo di fondi pubblici d’innanzi a evidenti fatti che determinano un aggravio di spese a carico della collettività.

No Comments a: Sistema informatico Regione per certificare la spesa, Caronte da un mese in ferie

  1. Avatar

    Manuela

    Agosto 16th, 2014

    Veramente oggi funziona e credo funzioni regolarmente dalla fine di luglio.

    Rispondi
  2. Avatar

    virgilio

    Agosto 16th, 2014

    sono al nove agosto non funzionava, forse l’articolo ha fatto miracoli.
    ad ogni modo il sistema caronte perde acqua da tutte le parti

    Rispondi
  3. Avatar

    Angela

    Agosto 16th, 2014

    E’ inconcepibile!
    Fino a giovedì dall’ufficio, ma anche stamane, nessuno di noi ne i colleghi di altri enti, riuscivamo a caricare giustificativi e a validare la spesa.
    Le certificazioni fuori periodo non le abbiamo potute concludere, nell’avviso 19, ad esempio.
    Non si sono potute fare operazioni, neanche da parte dell’Assistenza Tecnica preposta.
    Ne per chissà quanto si potranno chiedere le ulteriori anticipazioni, in quanto non riesce a certificare il primo 30% dellla spesa.
    I Revisori contabili sono rimasti a braccia conserte.
    Ma vi sembra una Regione che può certificare la spesa, ferma da un mese su 12?
    E mi sa che, se ogni tanto funziona a singhiozzo, cioè ti fa entrare ma non certificare, quindi una finzione, qualcuno della Manutenzione del Portale potrebbe avvertire e dire…ora Caronte non funziona…ora, Egregi Utenti, ha ripreso la funzionalità…
    Oppure dobbiamo tentare e tentare, come nella ruota della fortuna, senza che nessuno ci avverta e si assuma la responsabilità di tale grave disservizio?
    E come facciamo a prendere gli anticipi se non ci fanno certificare?
    …Qualcuno sospetta che non paghino quelli dell’Assistenza tecnica di Caronte, anche loro da tempo,…cara Siciliaonpress, come già avvenuto, indagate indagate…Altro che Telecom…
    Certo che è strano come in una Regione dove esiste una partecipata come Sicilia e Servizi, che viene chiamata ad indagare sui flop del Piano Giovani, si abbia ancora bisogno di questi portali e non si facciano in house. Cosi mettiamo a reddito le risorse e menti di casa nostra, che già paghiamo?
    Anche loro dovrebbero indagare su questo, non solo i giornalisti o gli organi preposti al controllo della spesa.

    Rispondi
    • Avatar

      Giovanna

      Agosto 17th, 2014

      A questo punto sono doverose delle riflessioni . Parrebbe che anche la Corte dei Conti e’ in ferie . E ‘ inaudito che non intervenga di fronte all’evidenza di tali fatti che in maniera così chiara configurano un danno erariale.
      Non si possono lasciare impuniti soggetti che,disattendendo totalmente le disposizioni di legge ,
      continuano a porre in essere atti illegittimi e non operano il dovuto e doveroso controllo sull’ utilizzo delle risorse comunitarie.
      Il cosiddetto PROCESSO DI MORALIZZAZIONE DELLA FORMAZIONE avviato qualche anno fa con tanto clamore che fine ha fatto ? Si è forse perso nelle paludi del potere che proclama ripetutamente di cambiare tutto per non cambiare nulla ? Ha perdonatemi avevo per un attimo scordato che siamo in SICILIA .

      Rispondi

Lascia un commento

  • (non pubblicato)