In questi giorni da “bollino rosso” sono stati avviati, dalla Polizia Provinciale del Libero Consorzio Comunale di Agrigento, una serie di servizi straordinari di controllo del territorio.

In concomitanza del ferragosto, infatti, il Corpo della Polizia Provinciale, ha effettuato numerosi pattugliamenti sulle arterie stradali di maggior afflusso turistico per rendere più fluida la circolazione stradale.

In particolare, sulla S.P. 68 Porto Empedocle – Capo Rossello e sulla S.P. 27 Realmonte – Capo Rossello, nella zona della Scala dei Turchi, la Polizia Provinciale è scesa in campo a supporto alla Polizia Municipale di Realmonte.

Un servizio di pattugliamento e controllo H 24, volto a prevenire la sosta selvaggia nella zona del litorale realmontino in questi giorni preso d’assalto da turisti e vacanzieri: “Il nostro obiettivo – ha dichiarato il comandante del Corpo Vincenzo Giglio – è quello di scongiurare l’ingorgo della circolazione, snellire il più possibile il traffico ed evitare, così, la sosta selvaggia che potrebbe ostacolare il passaggio di eventuali mezzi di soccorso. In pochi giorni – prosegue- gli agenti hanno sanzionato una cinquantina di auto parcheggiate in sosta vietata sulla strada provinciale che porta a Capo Rossello. Il servizio – aggiunge Giglio – è potenziato dal Settore Protezione Civile che ha elaborato un piano straordinario per i soccorsi. Un piano operativo per la viabilità, dunque, per una migliore gestione della circolazione stradale” ha concluso Vincenzo Giglio.

Lotta senza quartiere, infine, contro l’abbandono indiscriminato di rifiuti di ogni genere sulle strade; per quest’ultima infrazione, ricordiamo, è prevista una sanzione di 600 euro.

Determinazione e fermezza, pertanto, da parte della Polizia Provinciale dell’ex Provincia Regionale di Agrigento, contro gli irriducibili della sosta selvaggia al fine di assicurare una più scorrevole viabilità e, garantire, inoltre, un maggior rispetto dell’ambiente, decoro delle strade provinciali e sicurezza per i viaggiatori.

sop