Le giurie del premio nazionale “Alessio Di Giovanni”, edizione 2019, promosso dall’Accademia Teatrale di Sicilia, hanno scelto i vincitori  del concorso letterario, e assegnato i premi speciali.

La cerimonia di premiazione si svolgerà nella sala del Consiglio comunale di Raffadali l’8 settembre, alle ore 18,00.  Ecco di seguito i vincitori della ventiduesima edizione:

CONCORSI LETTERARI

Sezione “Poesia” in lingua italiana: 1° Federico Guastella di Ragusa; 2° Salvatore Greco di Catania;  3° Bianca Faur di Caltanissetta.

Sezione “Poesia” in lingua siciliana: 1° Gaetano Lia di Monterosso Almo; 2° Girolamo La Marca di Ravanusa; 3° Debora Di Pietra di Caltanissetta.

Sezione “Racconti” in lingua italiana: 1° Gioacchino Di Giovanni di Bagheria; 2° Elena Musso di Agrigento; 3° Daniela Roberto di Messina.

Sezione “Racconti” in lingua siciliana: 1°Giuseppe Palumbo Piccionello di Gela; 2° Florinda Maragliano di Raffadali; 3° Gioacchino di Giovanni di Bagheria.

PREMI SPECIALI

Sezione “Teatro”: Graziana Lo Brutto, sezione professionisti; Ornella Vasco, sezione regia teatro amatoriale; Compagnia Teatranima di Agrigento, per la promozione di testi teatrali; Marco Savatteri, per il musical.

Sezione “Narrativa”: Stefania Auci, narrativa storica; Francesco Curaba, narrativa di impegno sociale; Marilena Monti, narrativa di tradizione popolare.

Sezione “Impegno nella scuola per la legalità”: Stefania ierna, del Provveditorato agli Studi di Agrigento.

Sezione “Impegno per la legalità”: I Briganti di Librino, di Catania

Sezione “Impegno sociale”: Telefono aiuto di Agrigento

Sezione “Diffusione della cultura”: Giuseppe Parello, di Agrigento

Sezione “Musica di tradizione popolare”: Paolo Zarcone di Bagheria

Sezione “Fotografia”: Edoardo Cicala di Agrigento

Promozione della sicilianità all’estero: Mimmo Mangione (Australia)

PREMIO DELLA PRESIDENZA: Dott. Giovanni Camilleri (alla memoria)

PREMIO DELLA DIREZIONE ARTISTICA: Pippo Di Falco, di Racalmuto

PERGAMENE SPECIALI SETTORE SCUOLA

– Istituto statale “Rita Levi Montalcini” di Agrigento, per i progetti “Piedibus” e la mostra itinerante “La Sicilia nella grande guerra”;

– Liceo Scientifico Leonardo di Agrigento, per la mostra “Il codice atlantico” e per lo spettacolo di tradizione e multimediale al teatro Pirandello su Leonardo Da Vinci;

– Istituto comprensivo “Bersagliere Urso-Mendola” di Favara, per il progetto “Plastic free” contro l’uso della plastica;

– Scuola “Quasimodo” di Agrigento, per l’utilizzo di borracce in legno contro l’inquinamento ambientale;

– Gruppo teatrale “Caos” di Porto Empedocle, per aver rappresentato in alcune scuole agrigentine il testo “La scorta” dedicato ai caduti per mafia delle scorte, suscitando particolari emozioni.