Gaetano Milioto è conosciuto per le sue battaglie per l’acqua pubblica e in difesa, ad oltranza, dei diritti dei cittadini. Mi permetto di definirlo un guerriero che crede fortemente nelle cose che fa. Un figlio del popolo che difende il popolo, da solo o in compagnia, attraverso le armi della legalità e del diritto alla dignità dell’uomo.

Gaetano mi ha chiesto di leggere una sua poesia, per conoscerne il mio giudizio. L’ho letta e ho deciso di offrirvela perché è un forte invito a vestire i panni del cittadino, a civilmente ribellarsi e a rompere il silenzio della rassegnazione per amore di se stessi e della collettività. F.P.

 

 


 

Gaetano Milioto

Figli di terra nostra
Figliu sicilianu ma chi pensi
ca chissa è vita ca si possa fari?
Si tu nun parli e nun dici nenti
e li diritti to un ti sa chiamari.
Po dici a li me figli vogliu beni
ma u pensi all’abbiniri ca ci duni?
Si tu nun parli e pi tia va beni
e figli ci pripari lu varduni.
Rii li mani e rumpi li catini
porta rispettu e fatti rispittari
picchi si teni sangu ni li vini
tu sa ca chissi su cosi di fari.
Comu un cavaddru rumpi la capizza
tenitilla stritta la to forza
nun fari comu u sceccu ammaistratu
cu li custani aperti e rassignatu.
Pensa all’anuri e dignità di vita
ca nun si trova nterra menzu a strata.
Su cosi ca l’aviri e la purtari
e si li perdi nun li po truvari.

Pensa,rifletti, picchi cu ttia parlu