Autore

sop


L’Asp di Agrigento avvia una nuova procedura di alienazione per tre immobili 
Altre Notizie

L’Asp di Agrigento avvia una nuova procedura di alienazione per tre immobili 

L’Azienda sanitaria provinciale di Agrigento ha indetto una procedura ad evidenza pubblica per la vendita, in tre distinti lotti, di due fondi rustici ricadenti nel territorio provinciale, a Licata e a Racalmuto, e di un’unità immobiliare sita nel comune di Alessandria. Il procedimento avviato dall’Asp rientra nell’ambito delle azioni finalizzate alla valorizzazione ed alienazione dei propri immobili con lo scopo di generare risorse economiche da utilizzare per investimenti e riduzione dei costi. Il terreno sito a Licata si trova in località ”Ortata”, possiede un’estensione di 1.20.10 ettari e viene proposto ad un importo a base d’asta di 5.350 euro. Il fondo rustico di Racalmuto è invece situato in zona “Fico Troiana”, misura 5.31.20 ettari ed ha un prezzo base di 48.000 euro. Per l’unità immobiliare di Alessandria, un appartamento di 123 metri quadri ubicato al civico 2 di via Brigata Ravenna, la richiesta economica di partenza dell’Asp è di 113.400 euro. Gli interessati possono già consultare il bando integrale di vendita sul sito istituzionale www.aspag.it e contattare per ogni informazione il Servizio economico-finanziario e patrimoniale al numero telefonico 0922/407422. Le offerte dovranno pervenire entro le ore 10.00 del 25 settembre prossimo, data in cui, alle ore 12, saranno aperte le buste. Il criterio di aggiudicazione prevede il sistema del massimo rialzo al fine di ottenere l’alienazione economicamente più vantaggiosa dei beni.

La vendita dei tre immobili fa parte di un ragionato piano di valorizzazione che da qualche anno l’Asp ha avviato sul proprio patrimonio dietro autorizzazione da parte della Regione Siciliana. L’azienda dispone di svariati stabili e terreni sparsi su tutto il territorio nazionale che, in buona parte, sono il frutto di passati lasciti o donazioni. Si tratta dei cosiddetti “beni non disponibili” cioè di quel patrimonio non utilizzabile a fini sanitari che, in molti casi, non è remunerativo per l’Asp o, addirittura, rappresenta un peso economico. La loro alienazione può costituire per l’Azienda l’opportunità di reinvestire il ricavato per altre azioni di miglioria dei propri immobili e di potenziamento dei servizi.


Stampa articolo
8 agosto 2018

Autore

sop


Lascia un commento