premiazione mandorlo in fiore 2014[1]Valentina Piscopo
Cala il sipario sulla 69^ edizione della sagra del Mandorlo in Fiore 2014, certamente la più discussa e controversa. Ad aggiudicarsi l’ambito Tempio d’oro come miglior gruppo partecipante alla kermesse folkloristica, il gruppo National folk della Romania. A consegnare il premio, il sindaco Marco Zambuto, accompagnato dal Prefetto di Agrigento,  Nicola Diomede.  Ma tanti i premi assegnati nel corso della manifestazione.
A ritirare il premio sul palco, allestito davanti il tempio della Concordia, si sono avvicendati: il gruppo del Kosovo  per la migliore danza; la Grecia per il miglior costume tradizionale; la Spagna per la migliore espressione musicale ed  il premio “Giugiu’ Gallo”; la Polonia ,terza classificata per la sezione costumi ; la Serbia ,seconda classificata per la sezione costumi; la Lettonia ,terza classificata per la sessione musica;  la Croazia ,seconda classificata per la sessione musica; l’ Ungheria si è classificata terza per la sessione musica.
Inoltre il premio “Gigi Casesa” è stato assegnato alla Polonia. Grande soddisfazione per il Messico, che si èaggiudicato il secondo posto per la sessione danza, il premio per la migliore sfilata e il riconoscimento di Miss Primavera Sagra del Mandorlo in Fiore 2014. Nonostante le numerose polemiche che hanno accompagnato l’ evento folkloristico, importante è stata la partecipazione della popolazione, che ha richiamato nella splendida città di Agrigento, numerosi turisti provenienti dalle diverse parti della Sicilia ed anche oltre lo Stretto. Un altro sipario è stato ufficialmente calato. E, nel bene e nel male, a trionfare è stata, ancora una volta, la solidarietà e l’uguaglianza tra i popoli.