Riapre domani il punto nascite a Licata, non ci sarà una inaugurazione, ne rulli di tamburi.

Non ci sarà una manifestazione “perché -a parlare è Carmelo Pullara – non teniamo alle passerelle mediatiche, ritengo invece doveroso avvisare la cittadinanza ed i paesi limitrofi dell’importanza dell’evento per le nostre comunità, per le puerpere ed i nascituri”.

“Siamo – continua – davvero soddisfatti del grande risultato perché riprenderanno a pieno regime anche le attività operatorie ginecologiche. Ieri ho incontrato il Commissario dell’Asp Ing. Venuti dal quale ho ricevuto ulteriori rassicurazioni sulla data di riapertura del nosocomio. Ripartiamo da questa vittoria, frutto del lavoro di molti che intendo di oggi ringraziare: il Direttore Generale Ing. Venuti, il Direttore Sanitario Dr. Lo Bosco, il Direttore f.f. dell’ospedale Dr. Gambino coadiuvato dal Capo Dipartimento materno infantile Dott. Incandela, dal Direttore di Pediatria Dr. Gramaglia e da tutto il personale che opera nei reparti di pediatria e ginecologia. Ringrazio gli uffici di competenza, il Provveditorato oggi diretto dalla Dott.ssa Di Salvo (fino alla mia nomina diretto da me) e l’ufficio tecnico nella persona del geom. Scozzari, oltre che tutti i cittadini per le sollecitazioni e le proposte di questi difficili anni.

Per me questa costituisce una nuova partenza. Cercherò di ottenere altri importanti risultati per la sanità provinciale e per l’ospedale di Licata ed il suo potenziamento. Desidero che la città torni alla gloria passata. Desidero rilanciare unità operative come la chirurgia e la stessa cardiologia che oggi, comunque, dopo un momento di difficoltà ha raggiunto una certa stabilità. Io e il mio gruppo ci siamo battuti per anni affinché il nosocomio resistesse ai diversi tentativi di chiusura definitiva”.

Siamo arrivati – conclude Carmelo Pullara – al risultato finale: abbiamo cioè finalmente la certezza che domani il reparto sarà attivo e le puerpere potranno partorire nuovamente a Licata. Continuerò il mio impegno quotidiano sul campo, tra la gente e con la gente, per l’ottenimento di altri concreti risultati come questo.

sop