Avevano trovato il sistema per avere l’acqua gratis.

Proseguono senza tregua le verifiche dei Carabinieri in tutta la provincia, finalizzate a scovare i furbetti dei contatori dell’acqua e dell’energia elettrica.

Nelle ultime ore, sono stati infatti effettuati una ventina di accessi ispettivi in varie abitazioni, per accertare eventuali irregolarità, controlli svolti anche con il proficuo contributo dei tecnici competenti, al fine di prevenire e contrastare un fenomeno particolarmente diffuso sul territorio agrigentino.

Ed i risultati sono subito arrivati.

Le verifiche, in gran parte, sono scattate a seguito di informazioni e segnalazioni raccolte dai Carabinieri sul territorio e dai cittadini.

In particolare, nella città di Agrigento, frazione Villaseta, sono scattate le manette ai polsi di una coppia di coniugi del luogo, entrambi 40enni, i quali, per alimentare gratis di acqua la loro abitazione ubicata in viale Kennedy, avevano realizzato un allaccio abusivo alla rete pubblica, rifornendosi così in modo gratuito.

Per l’uomo e la donna, è stata contestata l’accusa di “Furto aggravato” e l’Autorità Giudiziaria ha subito disposto che vengano ristretti agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida.

sop

Lascia un commento

  • (non pubblicato)