Anche quest’anno l’Accademia di studi mediterranei onorerà i Giusti di tutto il mondo in occasione dell’apposita solennità civile istituita da una legge approvata del dicembre 2017 e che viene dedicata “a mantenere viva e rinnovare la memoria di quanti, in ogni tempo e in ogni luogo, hanno fatto bene salvando vite umane, si sono battuti in favore dei diritti umani durante genocidi e hanno difeso la dignità della persona, rifiutando di piegarsi ai totalitarismo e alle discriminazioni tra esseri umani”.
Per l’occasione, l’Accademia ha indetto una “due giorni” domani 6 e dopodomani 7 marzo con un concorso nelle scuole ed una Tavola rotonda. Il coinvolgimento delle scuole ha il fine di “promuovere lavori creativi e significativi in genere da parte dei giovani sulle figure esemplari che, con variegate modalità, hanno agito o agiscono per tutelare e difendere i diritti sacri dell’uomo”. Tutto ciò “allo scopo di promuovere la crescita culturale e civile degli adolescenti e dei giovani, lo sviluppo di capacità critiche e creative, l’invenzione di percorsi pluridisciplinari, con l’utilizzo di strumenti comunicativi diversificati secondo l’ordine di scuola, per salvaguardare la verità e la memoria dei Giusti, spesso o retoricamente ricordati o non conosciuti o addirittura dimenticati, e contro i ricorrenti tentativi di negare la realtà di disumani, drammatici eventi storici quali genocidi, totalitarismi, discriminazioni tra esseri umani”.
Il programma di domani prevede in apertura al Museo archeologico “Pietro Griffo” l’introduzione dei lavori da parte dell’assessore regionale all’istruzione Roberto Lagalla e del presidente onorario dell’Accademia prof. Assuntina Gallo, cui faranno seguito gli interventi del sindaco Calogero Firetto, del cardinale mons. Francesco Montenegro, di mons. Enrico Dal Covolo, assessore del Pontificio Comitato di Scienze storiche, del prefetto sdi Agrigento Dario Caputo, del prof. Vincenzo Fazio, presidente del Comitato scientifico dell’Accademia, del dott. Bernardo Campo presidente del Parco archeologico e del dirigente dell’Ufficio scolastico provinciale Raffaele Zarbo. Seguirà la lettura della motivazione dei premi e riconoscimenti ai lavori degli alunni più meritevoli tra quelli che hanno aderito al bando “Adotta un Giusto” e la proiezione dei video premiati, quindi la consegna delle targhe, pergamene e gadget.
Alle ore 12 tutti si sposteranno nel “giardino dei Giusti” nella Valle dei templi dove mons. Montenegro impartirà la benedizione solenne ai Giusti ivi ricordati e dove è previsto un intervento musicale da parte di un coro di clarinetti.

Al concorso bandito dall’Accademia di studi mediterranei hanno aderito diverse scuole con diversi elaborati realizzati da oltre 190 ragazzi. Le scuole che hanno aderito sono l’istituto alberghiero di Favara, il liceo scientifico Leonardo di Agrigento, il liceo scientifico e musicale Maiorana di Agrigento, il liceo classico Empedocle di Agrigento, l’IISS Foderà sezione Brunelleschi di Agrigento, la pontificia facoltà di teologia Sicilia, l’Istituto comprensivo Villaggio Mosé Peruzzo, l’Istituto comprensivo Navarro di Ribera, l’istituto Mari Teresa di Calcutta di Casteltermini e Cammarata, l’ISS don Michgele Arena di Sciacca, il liceo classico Fazello di Sciacca, l’Istituto comprensivo Agrigento centro

sop