Immediatamente dopo la pubblicazione dell’articolo sul nostro giornale, i consiglieri comunali Marilì Chiapparo, Rossana Castronovo, Vito Maglio e Sergio Caramazza hanno  presentano un’interrogazione urgente con richiesta di risposta scritta e orale relativamente all’avviso pubblico finalizzato all’accreditamento di fornitori di prestazioni integrative – Progetto “HOME CARE PREMIUM 2019                                                                       

I consiglieri interrogano l’amministrazione  comunale per “riferire se, nel rispetto dei principi di imparzialità, parità di trattamento e trasparenza,il Comune di Favara ritenga di avere dato adeguata diffusione e dunque conoscibilità all’Avviso Pubblico per l’accreditamento e l’accesso all’elenco degli enti attuatori del  Progetto “HOME CARE PREMIUM 2019  di assistenza domiciliare in favore di assistiti INPS ex gestione INPDAP non autosufficienti“.

Gli stessi consiglieri comunali  Chiapparo, Castronovo, Maglio e Caramazza, interrogano nello specifico, “di riferire quando è stato pubblicato il suddetto Avviso sul sito del Comune di Favara e per quanti giorni se ne è data pubblicità,  se il Comune di Favara abbia preferito altre procedure di pubblicità e diffusione  ed eventualmente  quali siano state”.

CatturaConcludono chiedendo “se, qualora tempi così ridotti fossero imputabili a giudizio dell’Amministrazione ad altri Enti (come lo stesso Distretto), questo Comune non ritenga opportuno intimare la ripubblicazione dell’Avviso per consentirne una adeguata diffusione e scongiurare la complicità del Comune di Favara in una iniziativa pubblica con evidente limitazione della conoscenza e, quindi, della partecipazione

La determinazione Dirigenziale del Distretto Socio-Sanitario D1 che  ha approvato l’Avviso Pubblico per l’accreditamento e l’accesso all’elenco degli enti attuatori del  Progetto “HOME CARE PREMIUM 2019 è del 14.06.2019 e la data di scadenza per la presentazione delle domande di partecipazione è stata fissata perentoriamente per il 20.06.2019. I consiglieri fanno presente “che tra il 14 ed il 20 giugno sono ricompresi un sabato ed una domenica, giorni in cui gli Uffici comunali sono chiusi e che  per la pubblicazione e la diffusione dell’Avviso  sarebbero rimasti  solamente tre giorni utili

sop

Lascia un commento

  • (non pubblicato)