Premesso che non seguivo una riunione di Consiglio Comunale forse dall’ultima che ho presieduto prima di dimettermi, quindi sono passati un po di anni, è vero vado spesso, sto qualche minuto, saluto i dipendenti comunali, qualche amico, mi intrattengo a chiacchierare con qualche Consigliere Comunale, ascolto un po il dibattito e vado via, rimane Peppe Moscato che è l’istituzione giornalistica del Consiglio Comunale di Favara, segue i lavori e poi ce li racconta da 40 anni.
Ieri è successo che sono rimasto un po’ di più, forse perché Peppe non c’era o forse perché sono stato attratto dal caos presente in aula. Il Consiglio è iniziato alle 19.30, l’argomento più importante presente in odg era il Piano Triennale delle opere pubbliche, uno strumento importante con il quale il Comune individua le opere da realizzare. Appena arrivato, oltre a notare la presenza del nuovo assessore al bilancio, sono stato attratto dalla confusione presente in aula, tutti a prendere parola, chi alzato, chi seduto, chi passeggiava pure in pantaloncini. Oltre alla forma, cosa che ritengo prioritaria in seno all’assemblea cittadina più importante, credo che ha attirato molto la mia attenzione anche la sostanza della discussione. Ho assistito ad oltre 2 ore e mezza di discussione sul sesso degli angeli, non entrando neppure nel merito della proposta, per poi alla fine rinviare il punto su richiesta del Consigliere Nobile. Le proposte giungono alle commissioni consiliari ed ai consiglieri molti giorni prima del consiglio proprio per avere il tempo di studiare, fare proposte e preparare il dibattito.
La Confusione, invece, regna sovrana, consiglieri di maggioranza che escono per non votare i punti, consiglieri di opposizione che fanno interventi di maggioranza sostenendo le proposte dell’amministrazione comunale. Guardando dall’esterno, ad esclusione del gruppo misto e di pochi altri consiglieri di opposizione con una posizione definita, davvero non si capisce più nulla, non si conosce già da tempo a quale gruppo/ partito si iscrivono i Consiglieri presenti in aula e, forse l’imminente nomina dei due assessori, agevola ancor più questa promiscuità consiliare, nel tentativo di taluni di ingrossare le fila della maggioranza. Io mi sarei aspettato che il Sindaco, l’apertura fatta alla città per formare la nuova squadra assessoriale, la facesse pubblica, ieri sera, a tutte le forze politiche proprio lì, nell’aula deputata a fare ciò. Invece tutto avviene nel silenzio dei corridoi, di nascosto. Intanto i posti assessoriali sono vacanti da tempo, sono partiti dei lavori in città senza un occhio attento di un assessore ai lavori pubblici, l’estate è quasi al termine e nessun evento è stato programmato in cittá, ciònon succedeva da molti anni. Voci di corridoio dicono che la giunta è pronta e dovrebbe essere presentata al completo alla città in questi giorni, attendiamo con fiducia le migliori espressioni che possano dare il giusto contributo alla città.