Carabinieri Agrigento. Prosegue l’azione di prevenzione e contrasto dei Carabinieri, in materia di illecita detenzione di sostanze stupefacenti. Nelle ultime ore sono finite in manette due persone trovate in possesso di un Etto e mezzo di “Hashish”.

Santa Margherita di Belìce (Ag), nelle ultime ore, nel cuore della notte, una pattuglia della locale Stazione dei Carabinieri impegnata in un posto di blocco, nota un’auto che viaggia a forte velocità. Scatta immediatamente l’ALT, lungo la strada statale 624 c.d. “Fondovalle” che conduce a Palermo. I due individui a bordo dell’auto, una Citroen C3, si sono fermati, gettando però qualcosa dal finestrino, nella speranza di non essere notati. I militari dell’Arma, avvezzi a questo tipo di “trucchi”, si sono subito accorti che qualcosa era stato gettato sul ciglio della strada. Ed infatti, da un successivo ed accurato controllo, dai cespugli in questione sono saltati fuori due panetti di “Hashish” del peso di circa un etto e mezzo, sostanza che se ceduta al dettaglio avrebbe potuto sicuramente fruttare alcune centinaia di euro.

Per i due individui, residenti a Sciacca (Ag), un 51enne ed un 21enne, già noti alle forze dell’ordine, sono scattate le manette ai polsi con l’accusa di “Detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti” e la loro posizione è ora al vaglio dell’Autorità Giudiziaria, in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto.

Non è la prima volta che i Carabinieri intercettano quantitativi di sostanze stupefacenti lungo la strada statale in questione, che collega il “belicino” con il capoluogo di regione. Già durante i primi mesi del corrente anno, sono stati vari i blitz effettuati lungo tale asse viario, con l’arresto in flagranza di alcuni “pusher” ed il significativo sequestro di sostanze stupefacenti di varia natura.

sop