Autore: franco.pullara

Da quando esiste il mercato settimanale del venerdì a fine vendita per liberare il sito entrano in azione gli automezzi che raccolgono senza differenziare carta, cartone, plastica, metalli e altro per poi essere conferiti nella discarica dell’indifferenziato di Lercara. Non si bada a spese in una paradossale situazione con i rifiuti, selezionati, che dovrebbero portare un ritorno economico ai contribuenti, invece, di finire nella discarica indifferenziata e pagarne il conferimento. Roba da pazzi. Un fatto gravissimo a danno dei cittadini e dell’ambiente sollevato dal consigliere comunale Giuseppe Lentini che ha chiesto al sindaco conto e ragione. Antonio Palumbo, sindaco di…

Leggi tutto

C’è la disponibilità di professionisti esperti nel settori dei tributi, come il dottore Giuseppe Veneziano, e gli avvocati Leonardo Cusumano e Giuseppe Di Miceli, e del presidente, Giuseppe Lentini, della IV Commissione comunale Finanze e Tributi e del vicepresidente, Gerlando Nobile di istituire un tavolo tecnico per modificare l’attuale regolamento della Tari che è un chiaro esempio di iniquità e ingiustizia. Un primo incontro seppure virtuale è già avvenuto sulla piattaforma WhatsApp di SiciliaOnPress dove si è manifestata la disponibilità dei professioni e dei consiglieri. Non saranno certamente il sindaco, Antonio Palumbo e il presidente del Consiglio comunale, Miriam Mignemi,…

Leggi tutto

“Il suo assessore si vanta su Facebook del cambio dei contenitori dei rifiuti all’interno del cimitero di Piana Traversa, quando nessun passo avanti si registra sul fronte della qualità della differenziata, con l’utilizzo di contenitori senza distinzione di conferimento”. A parlare è il consigliere Giuseppe Lentini. Annamo bene direbbe sora Lella, davvero un bell’esempio sul fronte della raccolta differenziata con la posa di contenitori di 1.100 litri, dove conferire tutto indiscriminatamente, invece delle batterie di contenitori per differenziare. Cosa questa che avviene in quasi tutti i Comuni, per citarne alcuni a Canicattì, Grotte, Racalmuto e l’elenco è lungo. “Altro magnifico…

Leggi tutto

Tutti gli anni il 16 di maggio, giorno dell’uccisione del primo sindaco eletto dal popolo nel dopoguerra, cittadini, sempre più pochi, scolaresche e politici con in testa l’amministrazione comunale rendono omaggio a Gaetano Guarino. Puntualmente, anche oggi, 76esimo anniversario, l’amministrazione, alcuni consiglieri e rappresentanze delle scuole si sono dati appuntamento nel luogo teatro del criminale assassinio dell’eroe, tale è stato Guarino. Un non eroe poteva godersi il frutto dei suoi sacrifici, nato in una famiglia non certo benestante, con sacrifici si laureò in farmacia, una professione redditizia oggi come allora che lo avrebbe abbondantemente ripagato. A Gaetano Guarino in un…

Leggi tutto

“La responsabilità sulla qualità dei materiali raccolti è della ditta aggiudicataria.” Ce ne siamo occupati in diverse occasioni e ci ritorniamo nella speranza di trovare il dovuto riscontro da parte dell’amministrazione comunale per abbassare il costo della Tari, significativamente gravosa per i cittadini. In una recente intervista al consigliere comunale Peppe Lentini è stata sottolineata l’urgenza di diminuire la quantità di rifiuto indifferenziato che è la principale causa dei costi elevati. E non solo. Se da un lato si paga di più (stimiamo un milione di euro) per il conferimento nella discarica del rifiuto indifferenziato, dall’altro non si incassa un…

Leggi tutto

Abbiamo l’obiettivo del 65% di rifiuti urbani riciclati, mentre non arriviamo al 30%. Appare chiaro che il potenziamento del sistema di raccolta differenziata non è più un fatto trascurabile e non lo è per i maggiori costi a carico dei contribuenti che, oltre a pagare di più in discarica, sono esclusi dal beneficio economico regionale previsto per i Comuni virtuosi. In altre parole, ci facciamo tutti del male a non rispettare le regole. E il male che i favaresi si fanno pesa 7,2milioni di euro all’anno, che potrebbe essere ridotto nell’immediato senza particolari strategie. “Il vostro giornale da tempo -…

Leggi tutto

“Vogliamo che arrivasse a tutte le persone a noi vicine e alla popolazione che legge i vari articoli sull’accaduto, di non lasciarsi sopraffare dall’odio o dalla vendetta verso il diverso”. Ci sono stati momenti drammatici, domenica scorsa nel centro di accoglienza APS San Giuseppe Maria Tomasi ad Agrigento, dove un giovane ospite ha, di buon mattino, aperto i bocchettoni del gas che si trovano adiacenti all’abitazione privata di Don Vito. Il sacerdote accorgendosi del gesto insensato lo ha richiamato invitandolo a fermarsi e avvertendo, nello stesso tempo, gli altri operatori che nell’immediato si sono precipitati per bloccare la fuoriuscita del…

Leggi tutto

Cartello Sociale: La nomina del nuovo direttore generale di AICA si può considerare senz’altro un passo avanti. Dopo nove mesi dalla sua costituzione , i sindaci dell’Assemblea di Aica hanno ratificato la scelta della Commissione del Concorso Pubblico formata per scegliere la figura apicale dell’Azienda che sta gestendo e dovrà gestire il SII dell’Ambito di Agrigento. Il Cartello Sociale parla di un passo in avanti ed è così, una soddisfazione che per essere piena non deve fare riferimento ai tempi del parto: nove mesi, decisamente troppi e in contrasto con le aspettative dei cittadini. Oltre alla durata della gestazione un…

Leggi tutto

E’ molto diffusa a Favara l’abitudine di conferire tutto in modo indifferenziato il martedì sera con la scusa che tanto poi gli operatori ecologici mischiano tutto. La scusa si adduce per mascherare i reali motivi di un’azione riconducibile esclusivamente al mancato rispetto, di alcuni, alle regole, intanto il particolare comportamento incide per tutti i contribuenti sulla Tari per almeno un milione di euro all’anno. Nella sola fattura di febbraio scorso Favara ha pagato alla discarica dell’indifferenziato oltre 130mila euro e il pagamento di poco si discosta negli altri mesi. Ci lamentiamo tutti dell’elevato costo della Tari, ma non riflettiamo sulle…

Leggi tutto

Il Cartello Sociale e una parte di lavoratori Aica, gli altri devono garantire il servizio essenziale, sono davanti la Prefettura di Agrigento in attesa di essere ricevuti dal Rappresentante del Governo. Grandi assenti i sindaci dei Comuni dell’Ati Agrigento che il due agosto 2021 festeggiavano la costituzione di Aica e la nuova gestione pubblica con tanto di foto di gruppo. Alcuni primi cittadini, neĺlo scatto pubblicato, non sono oggi più tali per scadenza del loro mandato elettorale, ma gli attuali mentre scriviamo non si vedono, ad eccezione del sindaco di Favara, Antonio Palumbo. Aica senza finanziamenti rischia il collasso con…

Leggi tutto